Radiestesia



Il termine proviene dall’unione del latino radius, “raggio”, con il greco áisthesis, “sensibilità”, dunque significa “sensibilità ai raggi, alle radiazioni”. È una disciplina sensitiva attraverso la quale si entra in contatto con le radiazioni emesse dagli oggetti, dalle situazioni, dalle persone e dagli ambienti: tali percezioni vengono visualizzate per mezzo di un pendolino o di una bacchetta (esistono bacchette di vario tipo, tra cui il biotensor). Lo strumento radiestesico, con le sue oscillazioni, risponde alle domande del sensitivo. Analoga alla radiestesia è la rabdomanzia (dal greco rhábdos, “bacchetta”), nella quale lo strumento usato è un bastoncino di legno, o più propriamente un ramo di nocciolo o di salice a forma di “Y”: in quest’ultimo caso la tecnica è conosciuta soprattutto nelle campagne per scoprire sorgenti e corsi d’acqua sotterranei.

Tramite la radiestesia si possono scoprire molte cose: testare alimenti e rimedi, analizzare ambienti, persone e situazioni, individuare energie negative (come le geopatie), cercare oggetti nascosti o smarriti e così via. Si può ad esempio indagare un appartamento, un’area urbana o un terreno alla ricerca di varie informazioni.

Un altro campo di applicazione è dato dall’analisi dei chakra, in modo da comprendere il flusso delle energie personali.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento, verrà pubblicato non appena lo avrò visionato.